MODELLO 730, LE NOVITA’ DEL 2017

By Giuseppe Currado|11 luglio 2017|News|0 comments

ES.A.AR.CO. nel proprio programma di informazione ai propri associati comunica quanto segue:

il modello 730, il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, presenta per l’anno 2017 delle rilevanti novità, delle quali si può prendere visione  nel modello definitivo pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Prima di soffermarci sulle novità per l’anno in corso, è opportuno capire chi può presentare il modello 730. Nello specifico saranno i contribuenti che nel 2016 hanno percepito:

  • i redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • redditi di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA;
  • redditi diversi;
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicate nella sezione II del quadro D.

Le novità introdotte riguardano i seguenti aspetti:

Premi di risultato –  i lavoratori del settore privato che percepiscono premi di risultato avranno una tassazione agevolata per premi di importo non superiore a 2000 euro o a 2500 euro qualora l’azienda coinvolge i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. Se invece i premi vengono percepiti come benefit non si applica alcuna tassazione.

Lavoratori “impatriati”- per i lavoratori che si sono trasferiti in Italia, concorre alla formazione del reddito complessivo soltanto il 70% del reddito di lavoro dipendente prodotto nel nostro paese.

Assicurazioni a tutela dei disabili gravi – per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave, è elevato a 750 euro l’importo massimo dei premi per cui è possibile fruire della detrazione del 19%.

School bonus – è previsto il riconoscimento di un credito d’imposta del 65% per le erogazioni liberali effettuate nel corso del 2016 in favore degli istituti scolastici del sistema nazionale di istruzione, che sarà ripartito in 3 quote annuali di uguale importo.

Credito d’imposta per videosorveglianza – è riconosciuto un credito d’imposta per le spese sostenute nel 2016 per la videosorveglianza dirette alla prevenzione di attività criminali.

Detrazione spese arredo immobili giovani coppie – alle giovani coppie, in cui uno dei due componenti non ha più di 35 anni e che nel 2015/2016 hanno acquistato un immobile da adibire ad abitazione principale, è riconosciuta la detrazione del 50% delle spese sostenute, entro il limite massimo di 16.000 euro, per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale.

Per maggiori informazioni e per  l’eventuale presentazione del modello 730 potrete rivolgervi direttamente all’ES.A.AR.CO., un nostro operatore CAF saprà darVi la giusta assistenza.

Share this Post:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*