REDDITO DI INCLUSIONE 2018

By Giuseppe Currado|6 settembre 2017|News|1 comments

ES.A.AR.CO. nel programma di informazione ai propri associati comunica quanto segue:

Il reddito di inclusione, che ha ottenuto da pochi giorni il via libera dopo il secondo esame in Consiglio dei Ministri, è un nuovo strumento di contrasto alla povertà delle famiglie che partirà ufficialmente a gennaio 2018.

Questa misura consisterà in un assegno mensile di cui potranno beneficiare circa un terzo delle famiglie che ad oggi percepiscono redditi inferiori alla soglia della povertà, ovviamente dando priorità, almeno nelle fasi iniziali, alle famiglie con figli minori o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati over 55.

L’assegno spetterà ai nuclei  familiari che abbiano i seguenti requisiti :

  • Isee non superiore ai 6.000 euro;
  • un reddito equivalente non superiore ai 3.000;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, non superiore ai 20.000 euro;
  • un patrimonio mobiliare(depositi, conti correnti) massimo tra i 6.000 e i 10.000 euro a seconda del numero dei componenti del nucleo;
  • cittadinanza italiana o comunitaria, oppure possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo residenti in Italia da almeno 2 anni.

Le domande per ottenere il beneficio potranno essere presentate dal 1° dicembre 2017 presso  il Comune di residenza,  che entro 10 giorni dalla presentazione della domanda dovrà verificare i requisiti necessari di cittadinanza e residenza e trasmettere la richiesta all’INPS.

L’INPS, a sua volta dovrà effettuare i dovuti controlli per verificare la sussistenza degli ulteriori requisiti richiesti e solo in caso di esito positivo riconoscerà alle famiglie il sostegno economico che verrà rilasciato attraverso una carta, sulla quale verrà caricato l’importo corrispondente mensilmente, con cui potranno essere acquistati una serie di beni.

Per maggiori informazioni potrete contattarci ed un nostro operatore CAF/Patronato saprà darvi le giuste indicazioni.

Share this Post:

1 Comment

  1. Siete stati i più chiari e semplici di tutti ad illustrare il reddito di inclusione grazie mille

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*